Una dolce Punizione

Una dolce Punizione

Una dolce Punizione

Sin da adolescente sono stata morbosamente attratta dalla visione di uomini che si masturbano, quell’incedere animalesco della mano che scorre veloce sul sesso mi ha sempre dato i brividi, sin da quella prima volta in vacanza, in cui sorpresi mio cugino più grande nel bagno che si menava ben bene l’uccello. Mai avrei pensato che a tanti anni di distanza mi sarebbe ricapitata l’occasione di sorprendere qualcuno nel mentre, e che tale visione mi avrebbe provocato una reazione così eroticamente perversa.

Tornavo da una rimpatriata con alcune vecchie amiche di università, aprii piano la porta per evitare di svegliare il mio fidanzato, certa che fosse già tra le braccia di Morfeo: con mia enorme sorpresa lo trovai invece che si stava masturbando davanti al televisore, dove una certa Roberta dalle enormi tette naturali si dimenava su uno squallido divano invitando il pubblico a chiamarla in privato.

Ero stupita e confusa, un’altra al mio posto si sarebbe sentita umiliata e offesa, io ero invece stranamente eccitata dalla visione del suo cazzo in tiro, la sua turgida cappella rosea, i nervi e le vene rigonfie del suo sesso, leggermente incurvato verso la sinistra.

“Mmi sentivo solo” balbettò lui sudato e imbarazzato, tentando affannosamente di ricomporsi.

“Ora siediti sul divano” gli dissi con una calma che voleva furbescamente sottindere una rabbia inespressa. Era in mio potere, e la mia mente era invasa da tanti pensieri eccitanti.

“Continua a guardare quella zoccola” gli dissi mentre gli serravo forte l’uccello con la mano. La mia bocca andò dritta sulle sue palle, cominciai a leccarlo avidamente, incurante dell’abbondante peluria, assaporando il gusto di muschio e sudore che emanavano i suoi coglioni.

“Ah ssi, continua così!” mi disse, e io subito gli diedi un morso sulla coscia che lasciò il segno dei miei denti sulla sua pelle.

“Così impari a farti beccare come un raagzzino a farti le seghe!”.

Lui strozzò il suo urlo, anche perché continuavo a stringergli il cazzo, e chissà, forse cominciava a temere per la sua virilità. Io mi divertivo a tormentarlo, a stento riuscii a trattenere le risa mentre mi guardava come un bambino appena sgridato dalla sua mamma.

“Continua a masturbarti, ma guai a te se vieni”. Ora ero in piedi sopra di lui mentre si lucidava il piffero, mi alzai la gonna sopra i fianchi e abbassai le mutandine a mezza coscia.

“Ti piace l’odore della mia fichetta?”.

“Ssi, da impazzire!”.

Continuava a respirare a pieni polmoni per inebriarsi dell’aroma della mia fessura, gli accarezzavo i capelli mentre il suo naso sprofondava nella mia passera umidiccia, e la sua mano andava sempre più forte, come un treno in corsa che stava per deragliare.

“Ti ho detto di non venire!” gli intimai di nuovo, stringendogli ora i capelli con una forza che non sospettavo di avere.

“Ora chinati”.

Lui obbediva come un cagnolino, sembravo davvero una di quelle maitresse di cui tanto avevo sentito parlare  e sulla cui immagine avevo finora solo fantasticato. Presi il mio dildo, strumento fondamentale dei miei momenti di solitudine, e dopo aver sputato un po’ di saliva sul suo buco del culo, lo ripassai con il mio attrezzo tutto intorno prima di infilarlo con forza.

“Ora ripeti con me”, dissi mentro lo sodomizzavo con crescente piacere di entrambi, “Sono uno stronzo segaiolo pompinaro rottinculo porco maschilista lurido frocio depravato” e via discorrendo in una rutilante fantasia di improbabili sconcezze, che lui ripeteva estasiato ad ogni inculatura. Quando lo sfoderai dal suo didietro bruciante, il dildo era diventato color nocciola, e prontamente glielo feci leccare con sua inequivocabile smorfia di disgusto.

“Ti prego non ce la faccio più, mi fanno male i coglioni!”implorò.

Fu allora che, dopo avergli fatto inarcare la schiena, gli feci una memorabile sega, arte che avevo appreso in anni e anni di masturbazioni a fidanzati e amanti di una notte, e di cui vado piuttosto fiera. Lo schizzo arrivò fino al televisore, sulle mega tette di Roberta che era ormai a cosce aperte mentre simulava coiti con il microfono.

“Ora vai  e pulisci porco!”.

Senza farselo ripetere due volte, cominciò a leccare la sua sborra copiosa con la lingua a paletta, per raccogliere bene tutta la densa crema del suo uccello. La vista di lui che leccava virtualmente la fica di tal Roberta mi fece eccitare in modo così viscerale che non seppi resistere oltre, mi liberai degli slip ormai fradici e spalancai le gambe quanto più potevo, iniziando a chiavarmi furiosamente con il mio dildo.

“Vieni, corri!” gli dissi giunta all’apice del godimento.

Tolsi giusto in tempo il mio gingillo dorato per donare il delizioso succo della mia fica all’improvvisato e felicissimo schiavetto, che lo prese tutto in faccia senza fare una piega, ripassando il tutto con la lingua e le dita.

Ci abbracciamo, sfiniti per quel giochetto erotico assolutamente non programmato, che ci aveva visto per una volta rovesciare le parti, lui stallone divenuto un automa pronto a lasciarsi guidare, ed io amante-geisha trasformata in mantide fetish, mi mancavano giusto il vestito di pelle e il frustino.

“Quand’è che esci di nuovo sola con le tua amiche?” disse dopo attimi di silenzio che mi parvero infiniti, in cui ritrovammo un’intimità da amanti perduti per un istante dalla furia bestiale dei sensi.

Ci guardammo e scoppiammo a ridere come due deficienti.


TELEFONO EROTICO AMATORIALE

Divertiti in totale anonimato con il nostro servizio Carta di Credito
CHIAMA 051.68.08.246 A SOLI 50 CENTESIMI AL MINUTO

Desiderio-erotico-carta-di-credito

Oppure
telefono-erotico-3

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.