Il telefono erotico

Il telefono erotico

Il telefono erotico

L’acqua scorre limpida nella vasca .. e una soffice schiuma inebria il bagno di un profumo di cocco…nella radio suona un cd di Lenny Kravitz… la sua voce è sensuale, avvolgente, a tratti inquietante..

Chiudo la porta a chiave perché non voglio intrusini di nessun tipo e genere .. mio marito è sbivaccato sul divano come sempre del resto , vorrei che qualcuno dividesse con me questo momento x trasformarlo in una notte di sesso struggente… accendo una candela .. spengo i faretti che sono posti sulla mensola del mobiletto.. una sigaretta brucia tra le mie labbra,il suo bagliore mi piace e ad ogni aspirata c’è qualcosa che frulla nella mia testolina…

Mi guardo nel grande specchio la mia pelle è liscia e vellutata…

Mi sfilo la maglietta , è inverno riamango in canottiera e perizzoma.. gioco un po con i miei capelli … lascio correre le mani tra collo e spalle… mi sento eccitata… aspiro.. respiro… chiudo gli occhi.. penso che forse potrei meritare di piu di un’uomo che non mi guarda.. che non mi desidera .. che non fa altro che attaccarsi a una televisione e guardare film porno accertandosi prima che io sia a letto.. com’è triste tutto questo ..

La mia gatta fa un balzo sulla lavatrice e mi guarda.. io le faccio una carezza lei miagola… forse lo sa anche lei come si stà quando stai con un’uomo che ha problemi di erezione che si eccita x poco tempo e che dura ancora meno …. I miei occhi si fanno tristi e la sigaretta ha smesso di bruciare … squilla il cellulare e i miei occhi vivono di una luce nuova

“è lui…”

un uomo mai visto, mai conosciuto, una voce nella notte che infiamma passioni segrete… il tono della mia voce è basso e questo lo fa impazziere

mi chiede dove sono … e io gli rispondo che sono in bagno rannicchiata sulla lavatrice con indosso una canotta e un perizzoma …

lui è a letto nudo con un’erezione che gli scivola tra le mani

“sento un pezzo che conosco”

“è Lenny … vorrei fare l’amore con te”

“lo vorrei anch’io e non sai quanto”….“fai una cosa x me?” mi chiede in un tono che conosco a memoria…

“dimmi” doccia

“toccati il seno e dimmi quando i capezzoli sono diventati duri”

i miei capezzoli erano gia duri ed ero bagnata forse piu dell’acqua che aveva riempito la vasca..

“fammi sentire la tua voce.. fammi sentire che stai vivendo!”

“si io vivo quando ti sento, vorrei stringerti come non stringo piu nessuno da un sacco di tempo .. vorrei essere stretta da te .. consumata di baci ..divorata da passioni che quasi ho dimenticato ..”

“tesoro .. chiudi gl’occhi pensa a noi .. dammi un corpo, un volto, aggrappati hai mie capelli,respira i miei sospiri… vivi i miei istinti…”

“sento le mie mani e le confondo con le tue”

“sono le mie”

“che si fanno strada nel mio essere…che toccano l’anima… che avide seguono un profilo ..impazzite si perdono tra gambe e fianchi.. non conto i brividi che prendono direzioni sconosciute..”

“sono arriavti a me i tuoi brividi .. ti sento come sei calda.. umida .. appassionata… la tua pelle ricorda quella di una fata pronta a lasciare tracce indelebili .. sento le tue labbra che mordono il mio collo che scendono sul petto che si soffermano su i miei capezzoli … e le mani che seguono una via che conoscono meglio di quanto non credano..”

“sono arriavata al tuo ombelico e con la lingua ci gioco un po … ti guardo

e nei tuoi occhi leggo la voglia di dirmi dai prendilo in bocca … fammi godere… stringilo e fammi sentire che ci sei!”….“sono qui distante ma vicina la mia voce ti scivola addosso e ti avvolge di sensazioni … le mie labbra si ancorano a un’erezione perfetta…accarezi i miei capelli che si legano alle tue dita …”

“il tuo corpo chiede di avermi lo sento … -sei ancora sulla lavatrice?”

“si !”

“oddio … vorrei essere chiuso li dentro con te ti appoggerei al lavandino e ti penerterei guardandoti negl’occhi.. perché non voglio perdermi nemmeno un’espressione di un godimento che presto raggiungerebbe il culmine…”

“lo farai?”

“un giorno,forse… ma ora dimmi cosa fanno le tue mani?”

“le mie mani … stanno varcando la soglia del piacere !”

“definisci questa soglia .. non avere pudori …lasciati andare!”

“… l’indice si è infilato veloce dentro di me e stà smuovendo un desiderio di possederti in ogni modo c’è molto spazio e un dito non mi basta…”

“la mia mano scorre su e giu … e i mie occhi chiusi non fanno che pensare a te hai tuoi gemiti che mi regali vorrei leccarti tutta … farti venire senza che il mio cazzo si sia infilato in te senza che un dito ti abbia sfiorata .. solo con la lingua che gioca che corre e che poi rallenta…”

“ sto venendo ,convinta del fatto che il mio dito umido sia tutto quello che tu vorresti…!”

“aspettami …si.. così… brava !”

“vorrei abbracciarti ..”

“lo stai facendo… non lo senti il mio calore?io sono li con te…!”

scorgo una luce dal corridoio… saluto il mio tenero e appassionato “amante”…

mi infilo nella vasca l’acqua è calda .. forse sarebbe meglio una doccia fredda… mi lascio avvolgere … sono viva…

si spegne la luce del corridoio…

e mi arriva un messaggio .. guardo il cellulare.. poi penso che li dove stò sto bene .. ci penserò domani….


TELEFONO EROTICO AMATORIALE

Divertiti in totale anonimato con il nostro servizio Carta di Credito
CHIAMA 051.68.08.246 A SOLI 50 CENTESIMI AL MINUTO

Desiderio-erotico-carta-di-credito

Oppure
telefono-erotico-3

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.